Giornata di studio in Sistemi meccanici per la Robotica e l’Automazione

Giornata di Studio Sistemi meccanici per la Robotica e l’Automazione Università di Cassino, 3 Marzo 2008 La Giornata di Studio presso l’Aula Magna “Luigi Papa” Facoltà di Ingegneria dell’Università di Cassino, del 3 marzo p.v. è organizzata dal LARM – Laboratorio di Robotica e Meccatronica dell’Università di Cassino, con il patrocinio di SIRI: Associazione italiana di Robotica e Automazione Il … Continua a leggere

L’etica applicata alla professione dell’ingegnere

Il Collegio universitario D. N. Mazza da cinque anni promuove presso l’Università di Padova il corso “Etica e professioni dell’ingegneria”, accreditato tra le attività formative a scelta libera dello studente dai corsi di laurea della Facoltà di Ingegneria (www.collegiomazza.it/etica). Dall’esperienza del corso è nata l’esigenza di dotarsi di uno strumento scientificamente rigoroso che fosse capace di rispettare il requisito fondamentale … Continua a leggere

Il ritorno degli energy manager

La figura professionale dell’energy manager ha già 25 anni di storia. È stata introdotta a livello legislativo nel 1982, a seguito delle crisi energetiche degli anni ’70 e all’esigenza di gestire meglio i consumi. “All’inizio – spiega Dario Di Santo, direttore della Fire, Federazione italiana per l’uso razionale dell’energia – esisteva solamente la dimensione energetica, poi la figura dell’energy manager … Continua a leggere

VI° Congresso Nazionale dei Giovani Ingegneri Italiani (CNGI)

E’ organizzato dall’associazione Giovani Ingegneri Bresciani in collaborazione con la Commissione Giovani Ingegneri dell’Ordine della Provincia di Brescia nei giorni 17-18 Novembre 2007, nella sede dell’ordine in Via Cefalonia, 70 –Brescia. Il Coordinamento Nazionale dei Giovani Ingegneri Italiani (CNGI) é principalmente un tavolo di confronto tra le realtà giovanili italiane organizzate sia in Associazioni che Commissioni ordinistiche ed ha come … Continua a leggere

Persi 500 milioni per il ponte sullo Stretto

Con lo scioglimento della società Stretto di Messina e l’annullamento del contratto, “sono stati persi 400-500 milioni di euro. Abbiamo fatto una furbizia”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, riferendo del voto di ieri sera in commissione Bilancio con il quale si è deciso l’annul-lamento del progetto del ponte sullo Stretto di Messina. “Di fatto abbiamo … Continua a leggere