Il software per lo sviluppo? E’ gratis!

Non stiamo parlando di freeware o di applicativi Open Souce, ma dei “costosi” prodotti per lo sviluppo targati Microsoft. La multinazionale di Redmond, per cercare di contrastare i concorrenti Open Souce e per far conoscere e apprezzare i propri applicativi, li regalerà agli studenti universitari, figure che un domani potranno essere importanti nella scelta del software di sviluppo. Il progetto è stato annunciato direttamente da Bill Gates a Channel 18: si chiama DreamSpark, parte in questi giorni dalle università statunitensi e si propagherà nei prossimi mesi in tutto il mondo, Italia compresa. In questa pagina Web tutti i dettagli sul software scaricabile.
Microsoft ha già realizzato versioni gratuite dei propri software di sviluppo, tutta la linea Express, che sono disponibili e scaricabili via Internet anche per chi non è più studente, ma che mostrano diversi limiti rispetto  alle versioni complete. Inoltre, già ora gli studenti universitari possono accedere a tutta la libreria software Microsoft con un sostanzioso sconto. Ma un conto è dover pagare, anche se poco, e un conto è avere a titolo completamente gratuito gli applicativi di sviluppo.

I software che verranno offerti sono tutti quelli della famiglia Visual Studio (compreso il gestore di database Sql Server), il sistema operativo Windows Server 2003 (non è ancora chiaro se anche la 2008 appena disponibile), XNA Game Studio per lo sviluppo di giochi. Insomma, tutto ciò che può servire a sviluppare applicazioni e giochi per  Windows Vista e Windows Server. 

Sarà un caso che la decisione di regalare i tool di sviluppo agli studenti universitari sia stata presa dopo che MySql (il database gratuito) è stato acquisito da Sun? A mio avviso Bill ha capito che per gli studenti universitari e per le loro famiglie che pagano gli studi, anche un piccolo contributo può essere eccessivo, favorendo la scelta di software Open Souce. Disporre di strumenti di sviluppo a titolo gratuito può invece convincerli a usarli, diventando esperti e, in futuro, condizionando le scelte delle aziende in cui andranno a lavorare.

Postato da Giorgio Panzeri il 20 Febbraio, 2008

Il software per lo sviluppo? E’ gratis!ultima modifica: 2008-02-20T15:10:00+01:00da ansa73
Reposta per primo quest’articolo